A Berlino e Londra si “investe” nel clubbing. E Torino che fa?

Ok, forse “investire” non è il termine più corretto, ma la notizia ha già fatto il giro del mondo e dà l’idea del diverso approccio che alcune città europee hanno nei confronti del clubbing rispetto a Torino (dove vive e lavora chi sta scrivendo) o altre città italiane.

E’ infatti di pochi giorni fa la notizia che il governo di Berlino avrebbe stanziato 1 milione di euro per finanziare il “soundproofing”, ovvero il trattamento acustico, di diversi locali cittadini situati in zone in cui l’attività notturna e, appunto, i decibel prodotti da questa, potrebbero infastidire chi vive nella medesima area. E questa news ha fatto eco a quella in cui il sindaco di Londra, nella bozza del “London plan”, ovvero il piano di investimenti e sviluppo della capitale anglosassone, obbligherebbe i grossi gruppi edilizi a garantire un’adeguata insonorizzazione a tutti quei palazzi che andrebbero a sorgere in zone in cui sono già presenti locali notturni.

Si può discutere sul fatto che siano soldi investiti bene o male (e infatti ci sono già arrivate voci da Berlino per cui alcuni addetti ai lavori avrebbero preferito che gli stessi soldi venissero usati per risolvere altri problemi della città) o che siano una goccia nel mare, ma è indubbio che azioni di questo tipo diano comunque l’idea che in alcune città il clubbing in senso lato e tutto ciò che ci gira intorno (vedi anche i Festival) sia percepito come risorsa e non come ostacolo allo sviluppo e al quieto vivere.

E a Torino? Ecco, Torino, quella città che si era conquistata il titolo di capitale italiana del clubbing tra la fine degli anni ’90 e tutto il primo decennio dei 2000. Quella città dove c’erano i Murazzi e i Docks Dora, poli della nightlife cittadina che ci invidiavano non solo in Italia, ma anche all’estero, tanto da finire in tutte le guide turistiche come attrattiva notturna.

Peccato che poi i Docks prima, i Murazzi poi, siano scomparsi. E con loro hanno chiuso decine di locali che non solo muovevano le notti torinesi, ma davano lavoro a centinaia di persone e creavano ricchezza per la città. Sì, creavano ricchezza. Perché se qualcuno non l’avesse ancora capito (e purtroppo sono in molti) il clubbing genera ricchezza. Senza dover scomodare i grandi flussi turistici internazionali, infatti, basta pensare a quante persone, ogni weekend, si muovevano da buon parte del Nord Italia per raggiungere Torino e i suoi locali. Facendo lavorare non solo attività commerciali come ristoranti, bar e alberghi, ma anche alimentando l’offerta artistica e culturale di tutta la città. Fenomeno che invece negli ultimi anni sembra essere circoscritto ai grandi Festival.

E qui emerge un altro paradosso. Perché Torino è la città che, pur essendo un “buco di culo” per posizione geografica, collegamenti e bacino d’utenza (almeno se la si confronta con Milano e Roma), ospita i tre più importanti festival di musica elettronica in Italia (FuturFestival, Club to Club e Movement), oltre ad almeno una decina di serate continuative che ogni weekend fanno ballare migliaia di persone.

Eppure sembra che questo non conti. Le istituzioni ignorano la cosa: e infatti Docks e Murazzi sono stati chiusi non per una precisa scelta della politica, ma per una sua completa disattenzione (oppure per un’attenzione troppo alta nei confronti delle poche voci, ma forse influenti, a cui poteva dar fastidio una vita notturna troppo sviluppata vicino a casa propria). E così quelle zone del clubbing che, seppur con tutti i loro problemi, erano una valvola di sfogo per giovani e meno giovani, sono stati chiusi per una completa mancanza di strategia e valorizzazione economica. E allo stesso modo i giovani si sono riversati nella “mala-movida” a basso costo, che non crea ricchezza per nessuno e soprattutto crea disagi ancora maggiori, visto che è localizzata in zone altamente popolate come San Salvario o Vanchiglia.

Insomma, se non vogliamo o non possiamo per forze trovare i colpevoli di quanto accaduto e sta accadendo nella nostra città, sempre più povera sotto questo punto di vista, anche se più “ricca” rispetto a tante altre, forse si potrebbe almeno cercare di capire che il clubbing è ancora una grande risorsa. Un risorsa che però sta seguendo le orme dei cervelli in fuga verso l’estero. Vogliamo davvero che finisca così?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *